Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2009

After all, all I have in my mind
Is just silence all around
A thousand times I have tried to find
Pieces of dreams, visions and sounds
And then I pray for better days

Do you know how it is without anyone
Do you know anyone?
Don’t let it go
Never forget that when
I think of you
You’re not alone

After all, all I have in my heart
Are the pieces, that I found
Shades of blue, swimming in the moon
Counting the stars all around
I say a prayer for better days

Do you know how it is without anyone
Do you know anyone?
Don’t let it go
Never forget that when
I think of you
You’re not alone

Do you know how it is without anyone
Do you know anyone at all?

(Bebel Gilberto, Masaharu Shimizu, Marius De Vries)
Annunci

Read Full Post »

Alif.

Ah, se sono belli gli Autogrill a notte fonda.

Read Full Post »

Mi rendo conto di sentirmi particolarmente sola quando capisco che preferirei essere ovunque, ma non qui. Quando non riesco a scriverne, di certe cose.

Read Full Post »

Read Full Post »

Eppure, sebbene mi sia difficile crederlo, un anno è già passato. Mi si stringe la gola, a pensarci.

Read Full Post »

Oggi aspetto sotto il porticato grigio, e so che arriverai. Brucia piano la sigaretta; stamani qualcuno mi ha fatto notare che, stranamente, indosso poco nero.

Un passo indietro verso l’ombra, ed eccoti, di passaggio veloce e disattento, hai qualcuno con cui parlare e non mi noti. E’ buffo trovarsi, ma non vedersi –  mi sento soddisfatta: ciò che doveva essere è davvero stato.

Chissà perché ho questa mania di cercare le persone, lasciarle comparire  per guardarle in silenzio. Non è mai per caso, e questo lo so bene. Già.

Read Full Post »

Viene, nella notte, a trovarmi un bambino. Porta con sé un grande sacco di velluto grigio – “è da gonfiare” – dice, col sorriso sulle labbra. Ha il profumo del vapore sui capelli, sembra assurdo riconoscerne la voce, come se gli anni non fossero mai trascorsi e niente fosse accaduto. E gonfiamolo allora questo guscio vuoto, ma per quanto possa sforzarmi nel soffiare, niente si smuove, tutto resta fermo.

Scosta un ciuffo dal mio viso, il bambino, mi ricorda che sediamo sul letto di una mamma. Ci sporgiamo verso le scarpe sotto e sembra tutto più grande. Ho paura e non voglio scendere.

Torna il riflesso di un sabato mattina assonnato, e un cappuccino troppo caldo. Due donne, di fronte, mi raccontano di un pianista incapace di donare ad ognuna delle sue dita lo stesso peso. Ne descrivono i suoni goffi – pam pa pam doon – e mi viene da sorridere.

Il silenzio di una camera da letto, dopo che la luce si è spenta, con poca convinzione. Chiudere nel sonno ciò che si ha da dire e pensare, per stavolta mandar giù è la cosa migliore. O almeno, così sembra.

Read Full Post »

Older Posts »