Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘puttane’ Category

La signora al controllo passaporti apre il mio, con sguardo annoiato. L’avevo gia’ notata qualche momento fa dalla fila; mi era sembrata una di quelle persone sempre arrabbiate, con la bocca piegata in giu’. Chissa’ quanta gente vede ogni giorno, ho pensato. Forse anche io avrei l’espressione scocciata, dopo il duemilatredicesimo turista che mi sfila di fronte diretto chissa’ dove – o meglio, diretto ad Amsterdam, Parigi, Lille, Londra o Marsiglia, perche’ da qui sono solo queste le destinazioni. La vedo sorridere, anzi, direi proprio ridacchiare, sotto i baffi. Studia la mia foto nel passaporto, mi lancia uno sguardo divertito, poi si toglie gli occhiali. Io ho gli occhi gonfi di pianto, e il suo sorriso e’ la prima cosa che mi fa sentire bene da almeno due giorni. “Quando hai cambiato colore di capelli?” chiede, in francese. “Due anni fa. Anzi, direi tre”. “Vorresti cambiarlo di nuovo?” “No”, le dico, mentendo, perche’ e’ gia’ da qualche tempo che ho iniziato a pensare a tingermi la testa nero corvino, senza nessun riflesso. Solo nero. La signora continua a guardare la mia foto, gongolandosi sulla sedia girevole. “Stai molto bene con i capelli rossi. Non cambiarli”.

Mi siedo in un angolo della sala d’attesa. Sono arrabbiata e triste, cosi’ tanto da aver dimenticato di prendere la crema spalmabile di speculoos – una delle cose che preferisco al mondo. Come sempre, essere in una stazione mi fa sentire piu’ tranquilla. Nelle stazioni e negli aeroporti non devo essere niente, non devo fare niente se non aspettare il mezzo che mi portera’ via, la vita fuori quasi scompare. Scompaiono i negozi chiusi, le famiglie che tornano a casa dopo la giornata festiva, le nuvole, i panifici e i caffe’. Metto le cuffie alle orecchie e mi faccio piccina piccio’ nel sedile del treno, con la testa poggiata al finestrino.

Una volta tanto, sono felice di tornare a casa.

 

 

 

Annunci

Read Full Post »

Ho capito che mi stavi sulle balle quando sei andata via e non riuscivo a farti un disegnino di addio. Buttai giù non so quante donnine con in mano un quadrifoglio e un fumetto – good luck – nessuna che davvero lo volesse dire, solo piccole chiazze d’inchiostro inespressive sparse sul quadreno. Ogni tanto mi ricapita tra le mani, e dico, già, quella stronza. Il modo in cui pronunciavi la r, quello poi. Ho capito di odiarti quando dopo mesi che non ci sentivamo e chiedevi di me, a chi me lo raccontava rispondevo: non le darei mai i miei contatti personali, non possiamo mica scriverci le letterine; non saprei nemmeno cosa dirle. Ho capito che sei una brutta stronza, sei proprio una stronza, e fai parte del manipolo di stronze con cui non voglio avere niente a che fare, ma sei troppo lontana per potertelo dire e non ho i tuoi contatti, vedi sopra. Che palle le donne, brutte stronze, finisce sempre male.

Read Full Post »

starò un po’ zitta.

Read Full Post »